• Ricerca di sé(nso),  Sproloqui

    Perché molte persone hanno paura dell’amore gratuito

    Di tattiche e aspettative deluse Quando mi chiedono della mia vita sentimentale, tendo a rispondere che è sempre stata, ed è tuttora, piuttosto piatta. Le mie relazioni amorose si contano sulle dita di una mano… con le dita mozzate. Stento a definirle delle vere e proprie storie d’amore, le descriverei piuttosto come rapporti anomali, per mia fortuna brevi (questo posso dirlo, naturalmente, soltanto a posteriori), e caratterizzati da una immane fatica psicologica, inframezzata da pochi momenti idilliaci e romantici. Ci tengo a precisare che no, non me le sono andate a cercare, ma forse è vero che, inconsciamente, tendiamo ad attirare ciò che pensiamo di meritare… e questo mi suscita…

  • Sproloqui

    Non voglio tornare alla vita di prima

    Negli ultimi mesi ho trascorso molto tempo da sola. Ho cercato, a volte spasmodicamente, di abitare un tempo che fosse tutto per me – pochi minuti, ore o giorni interi -, per riappropriarmi di me stessa. Viaggi solitari, lunghe passeggiate al parco e al mare, o silenziose sessioni di contemplazione che, se anche il corpo non era in movimento, permettessero alla mia mente di vagare libera.Abitare questo tempo ha significato riconquistare la mia indipendenza interiore, ritrovare una forza d’animo e una serenità che per anni avevo cercato e mai raggiunto pienamente.Ho imparato a volermi più bene, a coccolarmi e ad essere più misericordiosa verso le mie debolezze e i miei…

  • Libri

    Certe pagine sono come specchi

    Certe pagine sono come specchi e io adoro il momento in cui, mentre leggo, letteralmente vedo apparirmi sul volto le più diverse espressioni – sorpresa, tenerezza, stupore, sgomento, sdegno, disgusto, gratitudine… Mi succede con pochi libri – quelli di Luigi Pirandello sono tra questi -: mi riconosco e mi osservo nei minimi particolari, ogni parola è un dettaglio di me. *.* Guardò in cielo la luna che pendeva su una di quelle grandi montagne, e nel placido purissimo lume che allargava il cielo, mirò, bevve le poche stelle che vi sgorgavano come polle di più vivida luce; abbassò gli occhi alla terra e rivide le montagne in fondo con le…

  • Ricerca di sé(nso),  Sproloqui

    L’amnesia sentimentale

    Negli ultimi tempi, ho raccolto diverse confidenze di care amiche alle prese con individui affetti da una particolare forma di amnesia. I tipi in questione, sostanzialmente, flirtano con loro e/o “ce le fanno credere”, dimenticando di menzionare il fatto che sono già legati sentimentalmente ad un’altra persona. Niente di nuovo, mi direte. Finché non si fa niente di male (!), tutto è concesso. Tanto sono solo parole, allusioni, doppi sensi e frecciatine, senza misteriosi retroscena, né tanto meno secondi fini. Solo che le mie amiche (e nel gruppo mi annovero anch’io) sono buone, sincere, trasparenti e … Si fidano. Si illudono. Si espongono. Si bruciano. E, per fortuna, imparano. 🙂…

  • Ricerca di sé(nso)

    “Agisci prima, pensa dopo”: il mio incontro con Roman Krznaric

    Chi mi conosce bene sa quanto negli ultimi anni mi sia dedicata per lavoro (ma anche per diletto!) alla teoria e alla pratica dell’empatia. Tra le più importanti fonti di ispirazione per le mie attività didattiche e ludiche, molte delle quali proposte nell’ambito del progetto If You Were Me, c’è sicuramente il libro Empathy di Roman Krznaric. Per due anni – da quando ho letto per caso un articolo sull’Empathy Museum, da lui fondato – ho inseguito il sogno di conoscerlo e collaborare con lui e il suo team. Poco dopo l’esplosione di interesse mediatico intorno all’iniziativa “A Mile in My Shoes”, la prima organizzata a Londra dall’Empathy Museum, scrissi…

  • Ricerca di sé(nso)

    Non lasciar morire il cuore

    Rime del cuore morto O piccolo cuor mio, tu fosti immenso come il cuore di Cristo, ora sei morto; t’accoglie non so più qual triste orto odorato di mammole e d’incenso. Uomini, io venni al mondo per amare e tutti ho amato! Ho pianto tutti i pianti vostri e ho cantato tutti i vostri canti! Io fui lo specchio immenso come il mare. Ma l’amor onde il cuor morto si gela, fu vano e ignoto sempre, ignoto e vano! Come un’antenna fu il mio cuore umano, antenna che non seppe mai la vela. Fu come un sole immenso, senza cielo e senza terra e senza mare, acceso solo per sé,…

  • Arte,  Libri

    Parole, immagini e bellezza a Milano

    Le note positive di questo articolo si limitano al weekend in corso che, ormai, volge al termine, visto che sto scrivendo proprio dal treno che, da Milano, mi riporterà a casa. Sono venuta al nord per una full-immersion culturale, il cui primo tassello è stato l’incontro, molto proficuo, con il presidente della FEM Fondazione Empatia Milano. Ci siamo confrontati sulla possibilità di intraprendere, tramite If You Were Me e non solo, azioni comuni per diffondere una vera e propria rivoluzione empatica, a partire dalla provocazione lanciata da Roman Krznaric nel suo libro intitolato, appunto, Empathy. Mi sento molto curiosa e ispirata all’idea di intraprendere questa collaborazione! 🙂 Seconda tappa, Tempo di…

  • Ricerca di sé(nso)

    L’accordo minore

    Eh sì, ogni tanto ci vuole pure quello. Perché è vero che, banalmente, la vita non è sempre rose e fiori. E tra le note positive può insinuarsi un accordo minore, capace di durare anche tutta una settimana. Allora ci può stare una giornata intera programmata (e, sostanzialmente, persa) in funzione di un evento che, nel frattempo, è stato annullato a tua insaputa. Ci può stare un pomeriggio di insensato vagabondaggio sotto la pioggia, Villa Borghese deserta, il freddo nelle ossa, un senso di solitudine che ti esalta e atterrisce al tempo stesso. Ci può stare anche la monotonia di giorni che trascorrono col freno a mano inserito, senza che…

  • Ricerca di sé(nso)

    Più note positive fanno una bella canzone

    Amici! L’esperimento continua. E con risultati particolarmente interessanti, questa settimana! Salto i preamboli ed entro subito nel vivo del racconto… Lunedì, 12 febbraio Ho messo il naso fuori di casa alle 7.05 e la prima parola che ho pronunciato è stata “waaah” davanti ad un cielo rosa-arancione nel quale, piano piano, si faceva largo il sole. Ho ricevuto un bellissimo messaggio da Serenella, una ragazza che ho conosciuto due anni fa a Roma Tre. Non ci siamo più riviste, ma mi ha scritto che, da allora, segue con passione i post che condivido su Facebook, compreso l’articolo ‘La nota positiva’. “Sei davvero un contenitore di idee belle e buone.” Così…

  • Ricerca di sé(nso)

    La nota positiva

    Dopo più di un anno, torno per soffiare via la polvere da questo archivio digitale. Qualche giorno fa, ho fatto lo stesso con i miei vecchi taccuini. Ho ritrovato molti pensieri, bozze di lettere, testi e accordi di canzoni, poesie e aforismi, disegnini e citazioni, un mondo di parole e immagini che, per molti aspetti, mi rappresenta ancora. Mi ha fatto uno strano effetto constatare la presenza di temi ricorrenti nel corso degli anni, legati soprattutto a dubbi interiori che si riaffacciano nella mia vita ad intervalli più o meno regolari. Al tempo stesso, ho a disposizione abbastanza “cronologia” per poter individuare, in retrospettiva, le tappe della mia crescita interiore.…