• Ricerca di sé(nso)

    Fai attenzione a ciò che desideri, perché potresti ottenerlo

    Questo aforisma, attribuito a Oscar Wilde, riassume efficacemente l’oggetto della mia riflessione di oggi. Negli ultimi anni, ho dedicato buona parte del mio tempo interiore a formulare dei desideri che, nonostante in più occasioni siano stati fiaccati da difficoltà oggettive e auto-sabotaggi, si stanno finalmente realizzando.Nello stato di grazia in cui mi trovo, l’entusiasmo per ciò che ho ottenuto e la curiosità di scoprire ciò che mi aspetta mi proiettano molto in avanti, con il rischio di farmi dimenticare il percorso che ho affrontato per arrivare dove sono. Quando un desiderio si avvera, invece, penso sia importante prendersi un po’ di tempo per guardare indietro. Nella maggior parte dei casi,…

  • Music Tips

    Note di primavera

    Maria Sara’s Music Tips #4 Amici music lovers, bentrovati! Dopo le esplorazioni in ambito strumentale, per il quarto appuntamento con i miei consigli musicali made in GigsGuide non ho scelto un vero e proprio tema portante, anche se un elemento che accomuna gli artisti di cui vi parlerò oggi c’è ed è la recente o prossima uscita dei rispettivi nuovi album. Mi sembra un segno incoraggiante del fatto che, nonostante la chiusura dei locali e l’annullamento della maggior parte dei tour a causa della pandemia, il mondo della musica non si sia fermato. Tanti musicisti, infatti, hanno fatto tesoro del periodo di lontananza dai palcoscenici per lavorare a interessanti progetti…

  • Ricerca di sé(nso)

    Mini diario del mio Triduo Pasquale #3

    Veglia del Sabato Santo: la benedizione del fuoco e l’ingresso del cero pasquale nella chiesa buia La notte di Pasqua è una notte speciale, talmente bella che, secondo me, anche un non credente dovrebbe viverla, almeno una volta nella vita. Nel campo adiacente alla mia chiesa, tante persone si radunano intorno ad un grande falò scoppiettante, simbolo di Cristo che, risorgendo dalla morte, ha vinto le tenebre.Il celebrante benedice il fuoco nuovo e accende il cero pasquale, dopo aver inciso i simboli che lo decorano: la croce, l’alfa e l’omega, e l’anno in corso. Le persone più vicine al cero vi attingono per accendere le loro candele e con esse…

  • Ricerca di sé(nso)

    Mini diario del mio Triduo Pasquale #2

    Venerdì Santo: I sacerdoti prostrati davanti all’altare Al paese di mio padre la chiamano ‘a missa strazzata, perché la liturgia della Passione, caratteristica del Venerdì Santo, non è paragonabile ad una messa normale. In effetti, è la prosecuzione della celebrazione del Giovedì, come se tra i due giorni non vi fosse stata interruzione. Il rito incomincia in una chiesa immersa nel silenzio, spogliata di ogni elemento decorativo. I sacerdoti entrano in processione e compiono un gesto particolare: si stendono proni a terra di fronte all’altare. Io mi sono sempre chiesta a cosa pensino i preti in quel momento così solenne. Probabilmente ricordano la loro ordinazione quando, per la prima volta,…

  • Ricerca di sé(nso)

    Mini diario del mio Triduo Pasquale #1

    Oggi inizia il Triduo Pasquale, culmine dell’anno liturgico per i Cristiani.La Chiesa rivive la Passione, la Morte e la Risurrezione di Gesù attraverso celebrazioni intense e cariche di significato. L’anno scorso, con un po’ di malinconia, ci siamo dovuti adeguare alla modalità virtuale per assistere ai riti pasquali. Quest’anno, finalmente, possiamo tornare a riunirci nelle nostre chiese ma, a causa delle disposizioni anti-Covid, le liturgie tradizionali subiranno alcune modifiche. Già domenica scorsa, ad esempio, i rami di ulivo e le palme sono stati benedetti direttamente in chiesa e non abbiamo potuto rievocare l’ingresso di Gesù a Gerusalemme con la consueta processione. Personalmente, ho vissuto questa rinuncia con un velo di…

  • Letture Illuminanti,  Ricerca di sé(nso)

    Quando la vena creativa si ostruisce: 7 consigli per favorire un buon flusso di idee

    Lunedì mattina, nel dormiveglia, ho fatto un sogno musicale.Un amico si presentava da me con un violino e una chitarra, invitandomi a suonarli.Io, un po’ perplessa, prendevo per primo il violino, dapprima impugnando l’archetto al rovescio. Poi, rigirandolo a dovere, provavo a produrre qualche suono. Con mia grande sorpresa, riuscivo a far vibrare piacevolmente tutte le corde, nonostante allo strumento mancasse la parte finale del manico, quella dove ci sono le chiavi per accordarlo.Poi passavo alla chitarra, a me più familiare, e con quella, d’istinto, suonavo e cantavo una canzone a me molto cara: “Il seme”, di Claudio Chieffo. La performance risultava tutto sommato soddisfacente, nonostante mi fossi accorta che…

  • Music Tips

    Ritorno all’essenziale

    Maria Sara’s Music Tips #3 Terzo appuntamento con i consigli musicali tratti dalle mie esplorazioni su GigsGuide. Questa settimana proseguo sulla scia della musica strumentale che vi ho proposto nel precedente articolo, parlandovi di tre artisti che ascolto prevalentemente mentre lavoro al computer. Negli ultimi tempi, in effetti, prediligo questo genere di accompagnamento soprattutto per le mie sessioni creative. Mentre butto giù nuove idee ho bisogno di calma e concentrazione e se ascoltassi delle canzoni, rischierei di distrarmi inseguendo il senso dei testi o le caratteristiche vocali dell’artista di turno. Questa musica, invece, si conforma al flusso dei pensieri e ne potenzia la libera espressione, anche quando mi cattura e…

  • Ricerca di sé(nso)

    La Bellezza nell’ordinario

    La scorsa settimana vi ho parlato delle attività introspetticreative che ho intrapreso seguendo il libro di SoulPancake.Oggi vi racconto il secondo esercizio che ho svolto, dal titolo “Beauty in the bland“, che fa parte della sezione “Esperienze ed Emozioni“. La proposta parte dall’idea che, per passare dall’ordinario allo straordinario, sia necessario un piccolo… extra: con uno sforzo “in più”, si può trovare bellezza ovunque. Le indicazioni sono molto semplici per cui, anche in questo caso, l’esperimento è assolutamente replicabile, se ne avrete voglia: Sempre caro mi fu questo giardino Rispetto ad altre attività più cervellotiche, stavolta posso dire di aver giocato in casa, vista la mia innata attitudine alla meraviglia.…

  • Arte,  Ricerca di sé(nso)

    Frittelle per l’anima: nutrire la mente, curare lo spirito

    We make stuff that matters. Facciamo cose che contano: questo è il motto di SoulPancake, una community di creativi fondata dall’attore statunitense Rainn Wilson, che ho scoperto qualche anno fa grazie a un video che circolava su Facebook. Si trattava di un esperimento volto a dimostrare come, attraverso un contatto visivo di soli 4 minuti, due persone – a diversi stadi della loro conoscenza – potessero sperimentare una connessione più profonda. In quel periodo ero nel pieno dei miei studi sull’empatia per cui, incuriosita da quel video che indirettamente ne parlava, cominciai a esplorare il canale YouTube della community trovando tanti altri contributi geniali, tra cui Heart Attack e Take…

  • Ricerca di sé(nso)

    Essere lieti nel proprio lavoro: si può?

    Due settimane fa, chiosando l’articolo dedicato al tempo perso – o ritrovato –, accennavo alla visione del lavoro che ho maturato negli ultimi anni anche grazie alla lettura di due preziosi libri: How To Find Fulfilling Work di Roman Krznaric e Screw Work, Let’s Play di John Williams.Entrambi gli autori approfondiscono un concetto che mi sta particolarmente a cuore, perché ha rappresentato la chiave di volta in alcune scelte che, da grande, ho potuto fare proprio in ambito lavorativo: il divertimento. Nella nostra società, radicata in una concezione del lavoro inteso come fatica e sacrificio, l’idea che si possa trarre piacere dalle attività che si svolgono in ambito professionale è…